silenzio

Il mare non si spezza

Postato il Aggiornato il

Il mare non si spezza di: Alessandra Dechigi

Succedono tante cose.

Concorrono tutte a farci essere quello che siamo; concorrono tutte alla vita.

Già, l’eterno presente che mi sfugge e mi fa scivolare piacevolmente nel passato, così confortante perchè già conosciuto e mi ostacola nella visione del futuro così oscuro e distante.

E’ in questi momenti che mi ritrovo a giudicare automaticamente quello che mi circonda. Mi scopro a catalogare le cose come in liste immaginarie di “buoni”  e “cattivi”. Ovviamente metto tutti i “buoni” dalla mia parte e i “cattivi”…..lontani, sicuramente lontani!

swami-kriyanandaPoi succede che Swami Kriyananda lasci il corpo e improvvisamente mi sento sola, la mia lista si svuota; incapace di catalogare, giudicare, incasellare, sono di fronte ad una frattura, una grande crepa nel susseguirsi degli eventi…”buoni e cattivi”. Io dove sono?

Scopro la mente che corre ai ripari: non si lascia mai andare! Ed ecco che, per esmpio, tutti quelli che si sottopongono alla mappatura genetica per farsi asportare preventivamente parti del corpo per scongiurare eventuali tumori, ritrovano il loro posto nella lista. Li giudico e sono “utili” a placare il mio senso di smarrimento. Leggi il seguito di questo post »

…Tu sei già saggezza

Postato il Aggiornato il

…Tu sei già saggezza  di: Alessandra Dechigicuccioli-di-cane-con-mamma-5

Ci siamo. Il mio cane sta per partorire.

   Per due mesi l’ho vista cambiare nel fisico e nell’atteggiamento. Ora mi chiama: vuole che le stia vicina. Non posso allontanarmi.

   Mi organizzo. Chiudo la porta. Fa caldo. Sono nervosa. Sta per iniziare il mio e il suo viaggio verso un’esperienza sconosciuta.

   Comincia il travaglio.

   Io so cosa sta succedendo e perchè, ma lei non lo sa, non ne è consapevole. Leggi il seguito di questo post »

Il mio incontro con lo YOGA

Postato il Aggiornato il

Il mio incontro con lo YOGA di: Anna Correnti

Vorrei semplicemente parlare degli avvenimenti che mi hanno portato sulla via dello Yoga.

                santamagdalena-51450324Tanti anni fa percorrevo un sentiero in montagna insieme a mia sorella. Era autunno, tutto il bosco sembrava risplendere d’oro, con le foglie gialle e rosse dei faggi che rilucevano ai raggi del sole e che al più lieve alito di vento cadevano a terra. Sotto i nostri piedi le foglie crepitavano, era tutto così bello che mi faceva quasi male il cuore per la commozione e fu lì che per la prima volta sentii parlare da mia sorella dello Yoga, del suo Maestro e della Meditazione che egli praticava. Mi sembrava così irreale quello che lei mi raccontava, come mi sembrava irreale il paesaggio intorno a noi.

                Mia sorella mi parlava del suo Maestro, Shri Ram Chandra, un venerando vecchio indiano con una lunga barba e con gli occhi profondi e immobili come laghi. Mi parlava della Meditazione, delle sue esperienze, degli effetti ricevuti, ed io, stupita, l’ascoltavo. Leggi il seguito di questo post »

APARIGRAHA

Postato il Aggiornato il

spazio-libero

APARIGRAHA di: Alessandra Dechigi

Per quanto mi sforzassi di ricordare l’ultima volta che avevo indossato quella camicetta, mi sembrava di annegare nel mare nero dell’oblio! Se era passato così tanto tempo da annullare ogni memoria, perché quella camicia era ancora nel mio armadio?

L’aria comincia ad intiepidirsi, la neve e le severe sferzate di “Burian” sono lontane, così mi ritrovo al fatidico momento del  “cambio di stagione”. Comincio a togliere maglie pesanti, sciarpe, guanti e ad appoggiarli sul letto. Dopo poco il cumulo è esagerato. Ritrovo cose che non pensavo più di avere, altre che avevo conservato ”… perché non si sa mai!” Leggi il seguito di questo post »