Mese: aprile 2019

Il Relais Monastero San Biagio , location di Estate di Yoga e Benessere giugno 2019

Postato il

Il Relais Monastero San Biagio

La storia

Si ritiene che la prima costruzione del Monastero risalga intorno all’anno 1000 sui resti di un altare pagano allo scopo di dare ospitalità a guerrieri, nobili e borghesi appartenenti all’ordine dei Cavalieri Templari.

Nel 1333, l’antico Monastero, raggiunto il suo massimo splendore e riconoscimento, venne battezzato Ecclesie San Blasis, in onore del Santo Biagio, vescovo e medico facente parte dei quattordici santi ausiliatori, ossia, quei santi invocati per la guarigione di mali particolari.

Durante i lavori di ristrutturazione, eseguiti nell’estate del 1997, sono tornati alla luce cunicoli sotterranei,  cripte, incisioni e segni di quanti negli anni lo abitarono, tra questi simboli esoterici, spicca una pietra con incisioni pagane risalente al 900 d.c., e poi ancora, incisioni di un ordine Templare che intorno al 1215 si insediò nel Monastero.

Finestre a ogiva, possenti travature, architravi con richiami pagani, templari e benedettini: sui

muri sono incisi un trigramma di San Bernardino del 1427 e il simbolo Tau dei Templari.
Già allora i pellegrini, nell’intento di raggiungere la Terra Santa, transitavano per la via Flaminia a poca distanza dal Monastero che divenne dunque anche ostello e riferimento obbligato.

I monaci, attraverso le loro segrete sapienze, utilizzando erbe, esercizi, lavoro e preghiera, creavano per i loro ospiti le condizioni perché questo breve ma intenso soggiorno diventasse un momento di purificazione, rigenerazione e orientamento nel loro cammino verso la meta: quindi, anche luogo di guarigione e cura.

Alla fine del templarismo, il Monastero diventò infatti una canonica dove si  accoglievano quei monaci e pellegrini provenienti dal nord Europa e diretti, a piedi per devozione e penitenza, a Roma e successivamente in terra santa.

L’Abbazia compare sia nelle “Rationes decimarum” del sec. XIV che nel “Liber beneficiorum” del 1528 nel quale risulta membro della cattedrale di Nocera.
Nel 1563, si ebbe una riedificazione del Monastero, con l’innalzamento di un piano e l’ampliamento della chiesa, per eleggerlo a diocesi del territorio tra Foligno e Gualdo Tadino.
Nei primi anni del 1900 venne affidato ad un curato che trasformò parte dello stabile in scuola elementare, mantenendo l’altra parte a chiesa per le celebrazioni; nel 1947 l’ultima cerimonia e poi venne abbandonato.

Ed ecco comparire Angelino… un Signore barbuto già in età avanzata, di rientro in Italia dal Lussemburgo, dove una forte silicosi l’aveva debilitato. Tornato per trascorrere i suoi ultimi giorni nella sua casetta in mezzo al bosco, che di lì a breve tempo un forte terremoto rende impraticabile. Angelino così viene costretto alla ricerca di un altro rifugio. Per un periodo di tempo  si protegge in una grotta di fronte a casa, ma a breve eleggerà a sua nuova dimora la chiesa del Monastero, già in avanzato stato di abbandono, ma adeguata ad ospitarlo. Costruitosi un cassone di legno vicino all’altare per dormire durante la notte, trascorre le sue giornate nutrendosi di quanto trova nel territorio.
Quando, casualmente, viene in possesso di alcuni libri, si trattava di antichi erbari, che suscitano in lui un particolare interesse, e così un po’ per necessità, un po’ per curiosità, un po’ per occupare il tempo, Angelino inizia a sperimentare e applicare quanto legge: raccoglie le erbe nel parco, le mette ad essiccare al sole, alcune nell’acqua a macerare, con altre si nutre e… in questo modo prova a curarsi.
Così facendo, in breve tempo, la sua salute inizia a migliorare, fino a guarire completamente la sua malattia. Nessuno si immaginava un simile effetto, ed in questo modo ottiene credibilità e apprezzamento, tant’è che gli abitanti del luogo lo eleggono a dottore alchimista (ancora oggi gli anziani del paese di Lanciano ne parlano)

Aspetto attuale

Caduta per molti anni in stato di abbandono, l’antica canonica è stata recentemente riportata al suo antico splendore grazie ad una sapiente ed amorevole opera di restauro, durata otto anni e attuata nel pieno rispetto della storia del monastero.
Oggi il Relais Monastero di San Biagio, situato vicino a Nocera Umbra, è una dimora affascinante e raffinata, dove è stata mantenuta intatta la sobrietà del luogo, prestando però un’attenta cura ai dettagli e al comfort.

L’antico refettorio è stato trasformato in sala ristorante e un laboratorio per la produzione artigianale di birra, ispirato alla tradizione monastica dei mastri birrai.

Il Centro di Rigenerazione Benessere e la riscoperta degli antichi manoscritti ed erbari dei Monaci  ha creato una continuità con il periodo in cui i Monaci si prendevano cura dei pellegrini che transitavano di la.

 

 

Tutto questo permetterà  agli ospiti che parteciperanno al prossimo W.E. di Estate di Yoga e Benessere che si terrà sabato 01 e domenica 02 giugno 2019  di  fare ,contemaporaneamente alle pratiche Yoga,  anche un  un affascinante viaggio nel tempo……Arrivederci a Giugno!

 

RIFLESSIONI SU SANTOSHA: IL SAPERSI ACCONTENTARE

Postato il Aggiornato il

di Monica Fava

Le persone sbuffano.

Quando sono molto impegnate ma anche quando non lo sono; quando sono infelici, quando sono pensierose. Forse anche molto di più di quanto ce ne sarebbe bisogno.

Che poi,  se si legge la definizione del vocabolario…

/ṣbuf·fà·re/

 

Del cavallo, emettere con forza l’aria dalle froge.

ESTENS.

Di persona, emettere fiato dalla bocca semichiusa dilatando le guance, per uno sforzo fisico, o per insofferenza, impazienza, fastidio

 

…ci si accorge che il verbo SBUFFARE in prima battuta riguarda il cavallo, ma per estensione è utilizzato anche per gli esseri umani. Ho iniziato così a cercare e ho scoperto che quando i cavalli sbuffano dal naso, sono FELICI. Ed ecco un’altra domanda si fa spazio… perché l’accezione umana è legata all’insofferenza, all’impazienza e al fastidio?

Un buono spunto yogico!

Infatti Patanjali, nel suo inestimabile “Yoga Sutra”, nel Secondo Pada, introduce tra gli Niyama, le attitudini personali, Santhosha, un termine sanscrito (SAM ,“tutto” o “del tutto” e TOSHA, “appagamento,  accettazione”) che tradotto significa “gioia incondizionata” o “contentezza senza forma” e rappresenta uno stato di genuina felicità, indipendente da tutto quello che succede attorno a noi.

“La pratica dell’appagamento conduce ad una felicità estrema”, Yoga Sutra, II, 42.

Accontentarsi è una festa continua.

In prima battuta il termine sembra limitare la bellezza e la vitalità, ma riflettendo più approfonditamente si capisce che ci vuole molta forza per godere e amare ciò che la vita offre. E’ essere consapevoli del momento presente; liberi dai desideri, dai rimpianti del passato e dalla paura del futuro.

Lamentarsi è invece rimanere nell’angoscia.

Lo stato mentale di Santhosa è quello di staccarsi e non essere influenzati dalle richieste dei sensi, perché l’identificazione con i sensi causa una insoddisfazione di base, quasi di imperfezione, sicuramente di bramosia che una volta appagata, esaudita, ben presto riemerge e serve altro e altro ancora.

Non essere contenti è un fardello esclusivo del regno umano, basta guardarsi attorno, e nemmeno troppo lontano, per osservare le persone che ci circondano. L’uomo guarda il mondo attraverso i propri bisogni, i propri desideri materiali, diffidente, con la paura di ciò che la vita gli presenta, senza capire che ciò che riceviamo è ciò di cui necessitiamo e soprattutto dimenticando di essere parte di un tutto, che se viene vissuto e coltivato con gratitudine, genera contentezza e positività.

Coltivare Santosha significa rendere la propria vita migliore, piena e senza contraddizione.

E’ un’opportunità di miglioramento, di comprensione di sè stessi e di serenità.

Implica il saper discernere, ovvero distinguere ciò che può essere cambiato (futuro), seminando nel presente, e accettare ciò che non può essere cambiato (passato); l’essere equanime, cioè  imparziale nell’assumere una posizione o nel pronunciare un giudizio e infine il riuscire a conquistare una pratica paziente e costante, per non alimentare i nostri pensieri vorticosi e dispersivi e avere un’esperienza diretta della nostra natura interiore.

E’ la stessa sensazione che percepiamo dopo la lezione di yoga, in cui abbiamo abbandonato, o provato ad abbandonare J, la smania per il risultato dell’asana; accettato il nostro corpo in tutti i suoi limiti; proiettato il nostro sguardo all’interno, dove risiede quella parte di noi che non è soggetta a cambiamento; lasciato fluire il respiro… è quella sensazione di leggerezza nel sentirsi centrati nel presente, nel qui&ora, liberi da ansie, da tristezze e incombenze quotidiane.

Praticare non attaccamento, accettazione degli stati interiori, senza combatterli, senza allontanarli ma rimanendo in ascolto, sedendo e attivando il testimone interno, per percepire fino nelle profondità se quella reazione è veramente tua o dovuta a schemi, condizionamenti è uno dei modi dei accedere alla felicità.

Anche perché quando si iniziano ad accettare i propri pensieri, i propri sentimenti e azioni, quando si inizia ad essere gentili con se stessi, quando si accoglie ogni evento senza accezione capendo che nulla viene per nuocere, è proprio in quell’istante che accade la meraviglia, si diventa capaci di mettere in atto dei veri cambiamenti.

“Come il fuoco ardente riduce in cenere la legna, così il fuoco della conoscenza (jnana) riduce in cenere tutte le azioni. Su questa terra non vi è nulla che purifichi più della conoscenza; col tempo, chi si perfeziona nello Yoga apprenderà ciò in se stesso.” B.G. IV, 37-38.

Di Monica Fava